Rca auto, i premi restano alti

Il 2014 nel settore delle assicurazioni auto è stato un anno caratterizzato da una sensibile diminuzione del numero dei sinistri, nonostante questo dato importante, il premio non ha subito flessioni, purtroppo per gli automobilisti il premio rca auto resta alto, un problema che non va sottovalutato.
Il 2015 si sarebbe dovuto aprire con ben altre notizie, quello che tutti gli automobilisti italiani di aspettavano, era un deciso calo nel premio delle polizze auto, a livelli tali da poter finalmente tirare un sospiro di sollievo per riuscire a gestire in maniera più tranquilla il pagamento del premio.
Le cose purtroppo non sono andate così, per questo motivo il 2010 si apre già con una notizia che certamente non farà piacere a nessuno, meno ancora a tutti quegli automobilisti che vedranno il loro premio assicurativo, decisamente aumentato.
Infatti molti italiani nel corso del 2014, hanno causato sinistri, si parla di una numero pari a un milione e mezzo, questi nel corso del 2015, vedranno il costo della loro polizza aumentare decisamente, senza per questo poter fare nulla.
Un altro dato negativo, arriva dal fronte del costo delle polizze auto, infatti nel nostro paese si continuano a pagare le tariffe più alte in assoluto, il confronto con la media europea è impietoso, si parla di un costo medio delle polizze che supera il 25% del totale.
Una mazzata che si traduce ogni giorno in costi sempre più alti, talmente elevati da costringere spesso le persone a scelte drastice e poco corrette, ricordiamo infatti a tutti che in Italia il costo medio di una polizza è molto elevato, questo fa aumentare fenomeni di illegalità diffusa, automobilisti che scelgono consapevolmente di circolare senza avere tutto a posto.
Alcune buone notizie arrivano dal fronte liberalizzazioni, infatti grazie magari a un’ispezione preventiva del proprio mezzo e all’installazione della scatola nera, alcuni automobilisti potrebbero vedere diminuito il pagamento del premio, con l’applicazione di sconti consistenti.

Mal d’assicurazione? Il modo di risparmiare c’è, basta conoscerlo

 

Sapreste indicare con certezza il valore della vostra auto? Indicativamente forse sì, se si osservano alcuni parametri standard quali anno di immatricolazione, chilometraggio e marca, ma, al di là di questi fattori puramente superficiali non va sottovalutato un altro valore più intrinseco, che comprende la stima di tutte le spese accessorie di manutenzione, optional, lo stato di usura e chi più ne ha, più ne metta. Una valutazione complessiva può essere fatta in modo corretto solo dal cosiddetto esperto d’auto, ossia qualcuno in grado di fare un’analisi multidimensionale del veicolo.

 

Conoscere il valore auto usate in generale non è solo importante per potersi orientare durante la vendita di un veicolo, ma anche durante l’acquisto, poiché in base a esso – nello specifico se si è assicurato il valore a nuovo o il valore commerciale del veicolo – cambierà l’importo ricevuto dalla propria assicurazione in caso di sinistro, incendio o furto. Assicurare il valore commerciale di un’auto costa meno, ma in caso d’incidente farà ottenere anche una liquidazione inferiore poiché verrà detratto il degrado d’uso. Nel caso si assicuri il valore a nuovo, invece, si otterà la liquidazione pari al valore di mercato del pezzo di ricambio necessario. Anche in quest’ultimo caso, tuttavia, è necessario sempre prestare attenzione alle clausole della compagnia in quanto alcune garantiscono l’auto per il valore d’acquisto solo per i primi sei mesi. Dal settimo mese verrà poi preso in considerazione il prezzo commerciale.

 

Non sorprende quindi che il tema della polizza RC auto faccia passare la voglia di acquistare un’auto – in special modo in Italia, Paese con il costo assicurativo più alto in Europa. Ma esiste un modo per controllare in modo cosciente le spese senza rinunciare all’acquisto di un’auto e non cadere nei soliti trabocchetti che fanno volatilizzare lo stipendio già a inizio mese? Una possibilità esiste e si chiama RC Easy, il nuovo progetto capitanato da Cittadinanzattiva, a cui partecipano Adiconsum, Adoc e CTCU, che si pone lo scopo di informare gli assicurati tramite una app dedicata, incontri, una guida e gli sportelli di assistenza sul territorio.

Con questa applicazione sul proprio telefonino si potrà disporre di un’arma in più contro il caro assicurazioni. L’obiettivo degli organizzatori, oltre a informare gli automobilisti sulle leggi in vigore, sullle opzioni assicurative che possono essere scelte e sull’andamento delle tariffe, è anche quello di prevenzione della sinistrosità tramite un linguaggio giovane e diretto, e corsi di formazione nelle autoscuole.


Una buona occasione quindi, per essere parte attiva nella gestione delle proprie spese e combattere l’aumento indiscriminato dei prezzi.